“the Help” un’umanità intensa e commovente

Scritto in cinque anni dal 2004 al 2009 da Kathryn Stockett, pubblicato in Italia da Mondadori nel 2010 titolato “l’Aiuto”, ristampato oggi con il titolo originale “the Help” e incentrato attorno alle figure di alcune domestiche afro-americane a servizio delle famiglie bianche di Jackson nel Mississippi, nel pieno degl’anni sessanta.

Il romanzo della Stockett ha tre voci che ne tessono la trama, quelle rispettivamente di: Aibileen Clark, domestica afro-americana che nella sua vita altro non ha fatto che educare i figli dei bianchi e che ha perso l’unico figlio in un incidente sul lavoro; Minny Jackson, anche lei domestica di colore il cui caratteraccio le ha fatto spesso perdere il lavoro, nonostante abbia un forte bisogno di denaro per mantenere la sua enorme famiglia; ed infine Eugenia “Skeeter” Phelan, la giovane ragazza bianca fresca di laurea con aspirazioni da scrittrice.

Il romanzo della Stockett è ormai un Bestseller e la trasposizione cinematografica lo ha, se possibile, premiato ulteriormente ai botteghini.

Vogliamo  segnalarvi un commento veramente interessante segnalatoci su Twitter, che ci fa capire la portata di questo testo:

“Ho letto The Help nella prima pubblicazione italiana, mi sembra due anni fa. Ne aveva sentito parlare mia moglie a “Che Tempo Che Fa” di Fazio Mia moglie sapendo che mi piace la letteratura americana me lo ha passato.
Innanzi tutto vorrei dire che è un libro da consigliare a tutti e non solo alle donne, come ho letto in una recensione.
The Help racconta di una giovane americana che laureatasi vorrebbe diventare scrittrice e tornando a casa a Jacson nel Missisipi ( negli anni sessanta ) non trova più la vecchia domestica nera. Con la nuova piano piano si instaura un amicizia.
Nasce così l’idea di scrivere un libro che racconta tutti i commenti delle domestiche nere a riguardo delle loro padrone. Il libro all”apparenza ” leggero ” nasconde un’umanità intensa e commovente.” (Sandro Gentili)

2 Commenti a ““the Help” un’umanità intensa e commovente”

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento