4 libri da leggere in occasione della Festa dei Lavoratori

Libri sul lavoro: 4 consigli di lettura in occasione della Festa dei Lavoratori. Tale festa è riconosciuta a livello mondiale, anche se in alcuni Stati non è totalmente ufficiale, ma vengono fatte ugualmente delle celebrazioni in occasione del Primo maggio.

Lavoro. Una storia culturale e sociale


Il lavoro: definisce la nostra posizione nella società, determina dove e con chi passeremo gran parte della nostra giornata, è il mediatore della nostra autostima e un mezzo per trasmettere i valori in cui crediamo. Se gli economisti moderni profetizzavano la progressiva scomparsa del giogo del lavoro, oggi siamo sempre più indaffarati e sempre più occupati, a discapito del tempo dedicato a noi stessi. Ma lavorare fa davvero parte della nostra natura? Per rispondere, James Suzman ripercorre la storia dell’umanità dalle origini ai nostri giorni, spaziando tra antropologia e zoologia, fisica e biologia evolutiva, economia e archeologia. Se è vero che oggi troviamo una realizzazione e uno scopo nel lavoro, i nostri antenati concepivano in modo molto diverso se stessi e il tempo a loro disposizione. Il mito odierno dell’occupazione, considerata quasi una virtù, è un’evoluzione relativamente recente nella nostra storia millenaria, che ha avuto origine con l’avvento dell’agricoltura e con la nascita delle città, con la domesticazione degli animali e, successivamente, con la comparsa delle macchine. Lavoro racconta come nei secoli si siano trasformati radicalmente non solo la nostra capacità di produzione e il nostro impatto sull’ambiente, ma anche i concetti stessi di noia, ozio e tempo libero, seguendo i mutamenti dettati da ideologie, religioni e scoperte scientifiche. A lungo abbiamo faticato per noi stessi e per gli altri – talvolta fino a morirne –, ci siamo chiesti se ne valesse la pena, abbiamo lottato per ricavare qualche ora di libertà da dedicare alle persone e alle cose che ci piacevano. Oggi, alle soglie di un’era che promette di automatizzare gran parte delle nostre attività, James Suzman ci invita a riflettere sui valori e desideri cui vogliamo dare spazio nell’uso che facciamo del tempo della nostra vita.

Acquistalo subito su unilibro.it >>

È il futuro, bellezza! I giovani e la sfida del lavoro


Il mondo del lavoro è interessato da profonde trasformazioni determinate dalle nuove tecnologie e da una differente organizzazione della produzione e del ruolo del lavoratore. Trasformazioni che coinvolgono temi cari al sindacato: dalla questione di genere all’organizzazione dei servizi fino al welfare; dai brevetti al ruolo della ricerca, fino al tema dell’alternanza scuola-lavoro e dei rapporti intergenerazionali. In questo volume, l’autrice, anche con interviste a personalità del mondo culturale, economico e sociale, delinea cosa pensano i neo diciottenni e i Millennials del nuovo mercato del lavoro; come cambiano le fabbriche, la figura del lavoratore-operaio, gli stili e i modi di vivere nelle città digitali. Un articolato percorso, a cavallo tra old e new economy, che si avvale – tra l’altro – delle testimonianze delle sindacaliste e del rettore universitario, del pubblicitario e dei protagonisti del terzo settore, di un sociologo di fama mondiale e di un ex ministro del Lavoro e pari opportunità, di rappresentanti del mondo dei media e dell’imprenditoria. Un libro con tanti angoli di lettura ma che ha l’intento di raccontare il cambiamento e ridurre le distanze tra le generazioni, in particolare nella filiera scuola, università, lavoro.

Acquista il libro su unilibro.it >>

Imprenditore: risorsa o problema? Impresa e bene comune


Come è cambiata l’attività imprenditoriale negli ultimi decenni in Italia? Qual è il ruolo dell’impresa nella società? Come si mettono in rapporto tradizione e innovazione? Che significato ha per un imprenditore il bene comune? Raccogliendo le riflessioni di alcuni tra i principali imprenditori e manager del nostro Paese – da Oscar Farinetti a Pasquale Natuzzi, da Roberto Snaidero a Pietro Modiano a Giorgio Squinzi -, questo volume riflette sulle profonde trasformazioni che sta vivendo l’industria italiana e indica le possibili strategie per dare vita a una ripresa economica e culturale: considerando il ruolo spartiacque della crisi, gli autori approfondiscono i nuovi modi di fare impresa che stanno sorgendo nel Paese e mostrano da dove ripartire per costruire un’economia che metta al centro il bene delle persone e lo sviluppo della società.

Acquista ora su unilibro.it >>

Il lavoro non ti ama. O di come la devozione per il nostro lavoro ci rende esausti e soli


«Fa’ ciò che ami, e non lavorerai nemmeno un giorno in vita tua»: ecco lo slogan che ha mosso le nostre vite alla ricerca del lavoro dei sogni, quello che fai con il sorriso sulle labbra, che mette in gioco i tuoi talenti migliori e ti fa sentire parte di una squadra – di più: parte di una famiglia. Peccato che in quello slogan si nascondesse la ricetta per lo sfruttamento, il programma in codice per una nuova tirannia del lavoro che abbiamo accolto allegramente, convinti che il lavoro avrebbe ricambiato quell’amore. Ora però l’idillio si sta incrinando: al posto delle farfalle nello stomaco, la sensazione nettissima che in questa relazione qualcosa non vada. Perché facciamo sempre più fatica a cogliere il privilegio delle nostre vite precarie? Con «Il lavoro non ti ama» Sarah Jaffe ci aiuta a dare un nome e una ragione a questo groviglio di inquietudine, frustrazione e senso di colpa che fa da basso continuo alle nostre giornate lavorative, intrecciando le singole storie di lavoratrici e lavoratori a un’acuta analisi della storia recente. Guidata da Marx e Silvia Federici, Mark Fisher e bell hooks, Guy Standing, Selma James e molti altri, Jaffe ci mostra che il neoliberismo è anche un progetto di manipolazione delle emozioni, ma è un progetto che sta crollando ed esiste una possibilità di lotta a partire dalle sue rovine. Questo non è soltanto un libro che «fa pensare»: è un’istigazione al cambiamento, lo strumento per accendere una rivoluzione. «La beffa più grande del capitale è stata convincerci che il lavoro sia il nostro più grande amore», scrive Jaffe. «Liberare l’amore dal lavoro, allora, è la chiave per ricostruire il mondo».

Acquista su unilibro.it >>

Il cuore è un organo: intervista a Francesca Michielin

La cantautrice ha esordito in libreria con il romanzo Il cuore è un organo, che intreccia la storia di tre artiste unite dalla passione per la musica.

Volevo raccontare tre figure femminili, intrecciando le loro diverse storie per dare vita a sentimenti di cui non si parla spesso nei romanzi.
È da quando sono molto piccola che voglio scrivere questo romanzo e addirittura l’incipit di questo capitolo l’ho scritto più di dieci anni fa. Col passare degli anni, però, è nata in me l’esigenza di raccontare una storia di questo tipo che ha come cornice il contesto musicale, quindi ci ho messo tanto del mio, degli incontri che ho fatto e della consapevolezza che ho acquisito in questi anni nel fare musica.”

Tre donne, Verde, giovane cantautrice all’apice del successo, Regina, vecchia gloria del panorama musicale e Anna, il motore, in senso letterario, della storia.

La musica è l’elemento che fa da cornice a tutto il libro. Il titolo stesso è volontariamente ambiguo per la presenza della parola “organo” che rimanda sia al lato medico sia allo strumento. Il senso è quello di pensare al cuore come un luogo dove risuonano i sentimenti.
In questi anni la musica è diventata uno spazio di grande affermazione della propria personalità, ci siamo allontanati sempre di più da quel tipo di canzoni che raccontano le storie. Pensando anche ai grandi cantautori e alle grandi cantautrici della nostra tradizione italiana ho sentito l’esigenza di creare uno spazio per raccontare una storia fuori dalla musica, perché la musica è ancora una sorta di confessionale per me, mentre la scrittura narrativa poteva diventare lo spazio giusto per parlare di una storia e prendersi tutto lo spazio per farlo.”

La cantautrice bassanese traccia, che tra le pagine del suo primo romanzo, una panoramica di tutte le difficoltà che deve affrontare una giovane artista decisa a fare della musica il proprio mestiere. Insicurezze, sessismo, pregiudizi, critiche e passi falsi sono dietro l’angolo, ma il trucco per non lasciarsi sopraffare è smettere di pretendere da sé stessi la perfezione e imparare ad accettarsi per ciò che si è davvero, fragilità incluse.

Intervista al collettivo che ha tradotto l’enigma La Mascella Di Caino

Pubblicato per la prima volta nel 1934 all’interno di una raccolta di rompicapi denominata The Torquemada Puzzle Book con una ricompensa di 15 sterline, questo enigma è tornato prepotentemente d’attualità grazie al passaparola su TikTok. La Mascella Di Caino non è propriamente un libro, ma non ai tratta neanche un gioco: in realtà è un complicatissimo enigma linguistico e letterario.
Basti pensaer che il titolo stesso prende il nome da quella che, secondo l’Amleto di Shakespeare, è considerata la prima arma della storia!!

Pubblicato in italiano con il prezioso lavoro di traduzione del collettivo The Crime Badger, e con la prefazione in italiano di Stefano Bartezzaghi, è composto da 100 pagine contenenti le storie di sei assassini.
I giochi di parole non sempre funzionano in italiano, quindi in diversi casi li abbiamo inventati, senza però perdere di vista la loro funzione. Il difficile è stato distinguere quelli che rappresentavano un indizio e quelli che l’autore ha messo lì solo per confondere il lettore (diabolico!)…”

Ideato e scritto interamente da Edward Powys Mathers, cruciverbista inglese dell’Observer, con lo pseudonimo di Torquemada (nome preso in prestito dal cognome di un inquisitore spagnolo del XV secolo), La mascella di Caino è stato risolto ufficialmente solo quattro volte da quando è stato pubblicato: due soluzioni nel 1935, una nel 2016 e l’ultima nel 2020. La risoluzione dell’enigma non è mai stata resa pubblica, quindi non c’è nessuna possibilità di fare i furbi andando a recuperare le soluzioni su internet.

L’unico modo per arrivare alla soluzione finale, è individuare sia le sei vittime sia i sei assassini, ma non è così semplice come sembra: innanzitutto le 100 pagine di cui è composto il libro sono pubblicate in ordine sparso, e come prima cosa bisogna individuarne l’ordine corretto. Ma attenzione: non basta collegare le frasi che iniziano in una pagina e finiscono in un’altra, perché quasi tutte le pagine de La Mascella di Caino finiscono con il punto…
Anche confidare nel proverbiale colpo di fortuna risulta pressochè impossibile, visto che le possibili combinazioni sono oltre 100!

Consiglio per i lettori che non sopportano l’idea di rovinare un libro: astenetevi!!
Infatti l’unico modo possibile per trovare l’ordine corretto, è strappare le pagine una a una!!

Pagina de La Mascella Di Caino

Dopo un lungo periodo in cui questo enigma sembrava essere stato dimenticato, nel 2016 inizia la sua rinascita a livello editoriale, quando una copia è stata donata al Laurence Stern Trust, suscitando l’interesse del curatore Patrick Wildgust. I suoi tentativi (riusciti) di risolverlo hanno portato nel 2019 a una riedizione da parte di Unbound, un editore che pubblica solo testi finanziati tramite crowdfunding.
Il libro è stato così ripubblicato sia nella sua forma classica che sotto forma di carte da riordinare, con un’illustrazione di Tom Gauld in copertina (riproposta anche nell’edizione italiana). Anche questa volta era prevista una ricompensa: mille sterline per chi l’avesse risolto entro il 19 settembre 2020. In 12 hanno spedito una risposta ma solo una era corretta: quella inviata dal comico John Finnemore, che -complice la pandemia- ha trovato il tempo per dedicarsi alla risoluzione.
Finnemore ha raccontato di averci messo ben quattro mesi a risolverlo, e che non ci sarebbe riuscito senza innumerevoli ricerche su Internet e il moltissimo tempo avuto a disposizione durante il lockdown. Anche la versione italiana prevede una ricompensa: per chi riuscirà a risolvere l’enigma entro l’1 novembre 2022, Mondadori regala una gift card del valore di 500 euro (qui il regolamento completo).

Infine l’ultima scintilla che ha fatto rinascere l’interesse verso La mascella di Caino è scoccata quando, a fine 2021, l’assistente documentarista Sarah Scanner, ha postato su TikTok dei reel dove, trovandosi in un vicolo cieco, ha strappato le pagine della sua copia e le ha riordinate su una parete come fossero prove di un film poliziesco, decidendo così di coinvolgere i suoi follower nell’impresa.

La mascella di Caino libro strappato Sarah Scanner

L’intervista al collettivo The Crime Badger

Il collettivo che si è occupato della traduzione, ha deciso di definirsi con questa dichiarazione: “Con questo libro si è cimentato un collettivo di traduttori che si riconoscono con lo pseudonimo di The Crime Badger e non vogliono svelare i loro veri nomi. Le loro identità, tuttavia, non sono importanti: potrebbero essere anche una persona sola. Questi traduttori si sono talmente immedesimati nello spirito del libro da voler firmare la traduzione con un enigma”.

Il libro è stato scritto nel 1934, quindi con un inglese diverso da quello utilizzato oggi. Avete scelto di mantenere questa sfaccettatura nella traduzione?
“In linea di massima sì. Tutto sommato, non è stato difficile, perché nel libro si ritrova un pastiche di stili, dovuto non tanto all’epoca in cui è stato scritto quanto alle molte citazioni letterarie e ai giochi di parole. Per quanto riguarda le prime, abbiamo attinto – dove esistevano – alle edizioni pubblicate delle opere, traducendo noi quelle inedite in italiano. Nel fare questa seconda operazione, abbiamo ricalcato il registro originale, creato rime e fatto ricorso a termini arcaici. Quando invece ci siamo trovati davanti a giochi di parole, spoonerismi e altri trucchetti linguistici, abbiamo dato libero sfogo alla fantasia, pur rispettando il criterio usato dall’autore (spoiler: spesso questi giochi di parole sono indizi)”.

Per la traduzione vi è stato comunicato l’ordine corretto delle pagine? Conoscete anche la soluzione?
“Sì, abbiamo l’ordine corretto delle pagine e la soluzione, ma è tutto ben custodito nei nostri archivi informatici! Senza queste informazioni, il lavoro di traduzione sarebbe potuto durare anni, perché avremmo dovuto come prima cosa risolvere l’enigma”.

L’enigma è pieno di riferimenti letterari e giochi di parole. È stato difficile mantenerli in italiano in modo che aiutassero ugualmente a giungere alla soluzione?
“Non così tanto. Il difficile è stato stanarli. Alcuni riferimenti letterari ci hanno fatto subito suonare un campanellino e li abbiamo individuati piuttosto in fretta, altri li abbiamo trovati applicando il metodo caro a ogni traduttore: dubita di ogni cosa. In altre parole, uno dei ‘trucchi’ è stato leggere e rileggere più volte l’originale per capire dove c’erano frasi che stridevano e approfondire il perché. Ogni volta che qualcosa suonava strano, ed è successo spesso, abbiamo controllato la fonte e l’abbiamo trovata. I giochi di parole non sempre funzionano in italiano, quindi in diversi casi li abbiamo inventati, senza però perdere di vista la loro funzione. Il difficile è stato appunto distinguere quelli che rappresentavano un indizio e quelli che l’autore ha messo lì solo per confondere il lettore (diabolico!). Possiamo però garantire che gli indizi ci sono tutti… e anche qualcuno in più”.

La mascella di Caino contiene anche riferimenti alla cultura inglese e a questioni letterarie legate agli anni ‘30 del 1900. È stato difficile districarsi in questi temi?
“È stata forse la parte più complicata e crediamo sarà quella più ostica per il lettore di oggi, ma confidiamo in un proficuo uso di Internet, una miniera di preziose informazioni: bisogna solo essere sufficientemente scaltri da capire cosa cercare. In questo libro, come in ogni giallo che si rispetti, è tutto sotto i nostri occhi fin da subito”.

Quali sono state le maggiori sfide che avete affrontato in questa traduzione?
“Un’enorme difficoltà è stata senza dubbio quella di pensare come l’autore, o almeno tentare di farlo. Si potrebbe dire che ogni libro che traduciamo ci chiede di pensare come il suo autore, ma qui abbiamo dovuto improvvisarci funamboli e destreggiarci tra il ‘cosa’ e il ‘come’, che in queste pagine fanno a gara per accaparrarsi l’attenzione del lettore. A ogni frase ci siamo chiesti perché l’autore stesse usando quelle parole o esprimendo quel concetto. A ogni passaggio ci siamo chiesti se ci stesse conducendo per mano verso la soluzione o se ci volesse portare in un vicolo cieco, nel quale noi dovevamo portare a nostra volta i lettori. Più di una volta abbiamo temuto di non farcela, ma la forza del gruppo ci ha permesso di sostenerci a vicenda. Torquemada ci ha sfidati a ripensare il nostro ruolo di traduttori e ci ha fatto fare un sano bagno di umiltà. E ce lo siamo immaginati ridere di noi quando disperavamo e ridere con noi quando esultavamo”.

Batman che schiaffeggia Robin: l’origine del meme

Un meme tra i più conosciuti e usati: Batman che dà uno schiaffo a Robin quando quest’ultimo fà un commento fuori luogo o completamente sbagliato. L’immagine ha cominciato a circolare con un dialogo fittizio in cui Robin chiede a Batman cosa gli regaleranno i genitori per Natale. In tutta risposta, Bruce cala una cinquina esclamando «I miei genitori sono moooooorti». L’immagine originale, oltre a contenere un dialogo diverso, era stata ribaltata.

L’origine del meme risale al giugno 2008, quando un utente del sito SFWChan postò per la prima volta la vignetta modificata. Da quel momento l’immagine si diffuse rapidamente, trasformandosi in una gag che si presta a qualsiasi battuta e a qualsiasi periodo dell’anno.

Il fumetto da cui è tratta la vignetta originale è World’s Finest Comics 153 del 1965, contenente la storia The Clash of Cape and Cowl: un’avventura alternativa realizzata da Edmond Hamilton e Curt Swan in cui Bruce Wayne diventa Batman spronato dal desiderio di vendetta contro Superman.
Da piccolo, infatti, Bruce si era trasferito a Smallville con il padre Thomas –rimasto vedovo– il quale però muore tentando di trovare una cura contro la Kryptonite.
Da quell’episodio Bruce ha sempre visto in Superman la causa della morte del padre e, una volta diventato adulto, ha assunto l’identità di Batman, alleandosi con il giovane Robin e poi con Lex Luthor, per vendicarsi. Durante la storia, però, Bruce capisce che è Lex il vero responsabile e si sacrifica per salvare Superman e sventare i piani del criminale.

Scendendo nel particolare, il meme estrapola un momento in cui Batman sta spiegando a Robin il motivo del proprio accanimento contro Superman.
Robin obietta forse non è Superman il colpevole perché non avrebbe mai permesso che un innocente morisse per causa sua. Batman allora schiaffeggia il ragazzo dicendogli «Non dirmi che mi sbaglio, insolente… Dimostrare la colpa di Superman è l’unica missione della mia vita». «Ahia! Batman, il tuo lutto ti ha infettato con l’ossessione della vendetta. Ti prego… Rinuncia!» è la pronta risposta.

La storia, pensata come un’avventura fuori dal canone dei personaggi, fu poi collocata nella realtà di Terra-153 dal volume Crisis on Infinite Earths: The Compendium

Ivrea Capitale italiana del libro 2022

Ivrea, la città che Adriano Olivetti aveva eletto a laboratorio del futuro, è la Capitale Italiana del Libro 2022. La località piemontese è stata scelta dopo le precedenti Vibo Valentia nel 2021 e Chiari (BS) nel 2020.

Un’eredità di cultura e tecnologia e uno sguardo al futuro, con una serie di progetti che coinvolge tutte le anime del libro e della lettura, dai lettori ai distributori. Sono i caratteri della Capitale Italiana del Libro 2022, annunciata mercoledì 16 febbraio in diretta zoom dal ministro Dario Franceschini:

«È Ivrea la Capitale italiana del libro per il 2022: viva Ivrea, viva la Capitale del Libro»

«La Capitale del Libro – ha proseguito Franceschini – è un meccanismo virtuoso che crescerà anno per anno come la Capitale della cultura. Con il tempo si capirà che è un titolo anche essere stati finalisti».
Scelta dalla giuria presieduta da Marino Sinibaldi e composta da Gerardo Casale, Stefano Eco, Cristina Loglio, Valentina Sonzini, è risultata la migliore candidatura tra le sedici che sono state presentate, di cui otto giunte in finale. Un traguardo importante, che segna l’avvio di una nuova fase per lacittà che potrà aggiungere un significativo tassello alla sua storia millenaria: da prima capitale d’Italia con Re Arduino, fino a divenire capitale della tecnologia, dell’innovazione e laboratorio di futuro grazie alla straordinaria esperienza di Camillo e Adriano Olivetti.

La visione comunitaria che ha caratterizzato il periodo olivettiano è stato il tema scelto per il dossier di candidatura, che ha coinvolto nella sua elaborazione oltre 50 persone e 7 community del mondo del libro. Inevitabile il richiamo a un oggetto-simbolo: la Lettera 22, la mitica macchina da scrivere portatile ideata dalla Olivetti, divenuta un’icona mondiale.

Nessun elemento, il feed é vuoto.

Please follow & like us :)
  • Meglio morto
    Mi guardo intorno e vedo il nulla. Proprio ciò che cercavo. Questa cittadina di confine non ha niente da offrire: nessun negozio decente, nemmeno un posto dove bere un buon caffè. Qui non ci viene nessuno in vacanza: qui ci si arriva solo se si ha un motivo. Io un motivo ce l'ho. E se […]
  • La regola del bonsai
    A sette anni, mentre assiste con il padre Rudolf allo sbarco del primo uomo sulla luna, Werner Wolf viene a sapere qualcosa che gli cambierà la vita per sempre: sua madre Klara è il frutto segreto della relazione tra Eva Braun e Adolf Hitler. L'inevitabile conseguenza è che Werner ha avuto in sorte come nonno, […]
  • Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
    È un mercoledì pomeriggio quando Anna entra nel parcheggio di Argyle Street, di fronte al Royal Hobart Hospital, e si accorge che le manca un dito. È sparito, il suo anulare sinistro è sparito come il sole nascosto dal fumo degli incendi, come intere specie animali condannate dal riscaldamento globale, come arbusti, eucalipti e piccole […]
  • Amore matrimonio
    Studentessa di medicina a Londra, Yasmin Ghorami ha diversi motivi per non lamentarsi: una famiglia che la ama, una promettente carriera come medico e soprattutto un bel fidanzato, Joe Sangster, compagno di università e futuro sposo. Eppure, quando le nozze ormai si avvicinano, l'incontro tra la sua famiglia e quella di Joe si rivela per […]
  • Zucchero bruciato
    Tara è sempre stata una ribelle, contro tutto e tutti. Costretta a un matrimonio di convenienza, è scappata di casa, si è presa diversi amanti, ha vissuto a lungo insieme con un guru e si è persino ridotta a fare la mendicante. In tutto ciò, sua figlia Antara, per lei, è sempre stata un peso, […]
Archivi
Paper blog

 

 

 

 

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi