Batman che schiaffeggia Robin: l’origine del meme

Un meme tra i più conosciuti e usati: Batman che dà uno schiaffo a Robin quando quest’ultimo fà un commento fuori luogo o completamente sbagliato. L’immagine ha cominciato a circolare con un dialogo fittizio in cui Robin chiede a Batman cosa gli regaleranno i genitori per Natale. In tutta risposta, Bruce cala una cinquina esclamando «I miei genitori sono moooooorti». L’immagine originale, oltre a contenere un dialogo diverso, era stata ribaltata.

L’origine del meme risale al giugno 2008, quando un utente del sito SFWChan postò per la prima volta la vignetta modificata. Da quel momento l’immagine si diffuse rapidamente, trasformandosi in una gag che si presta a qualsiasi battuta e a qualsiasi periodo dell’anno.

Il fumetto da cui è tratta la vignetta originale è World’s Finest Comics 153 del 1965, contenente la storia The Clash of Cape and Cowl: un’avventura alternativa realizzata da Edmond Hamilton e Curt Swan in cui Bruce Wayne diventa Batman spronato dal desiderio di vendetta contro Superman.
Da piccolo, infatti, Bruce si era trasferito a Smallville con il padre Thomas –rimasto vedovo– il quale però muore tentando di trovare una cura contro la Kryptonite.
Da quell’episodio Bruce ha sempre visto in Superman la causa della morte del padre e, una volta diventato adulto, ha assunto l’identità di Batman, alleandosi con il giovane Robin e poi con Lex Luthor, per vendicarsi. Durante la storia, però, Bruce capisce che è Lex il vero responsabile e si sacrifica per salvare Superman e sventare i piani del criminale.

Scendendo nel particolare, il meme estrapola un momento in cui Batman sta spiegando a Robin il motivo del proprio accanimento contro Superman.
Robin obietta forse non è Superman il colpevole perché non avrebbe mai permesso che un innocente morisse per causa sua. Batman allora schiaffeggia il ragazzo dicendogli «Non dirmi che mi sbaglio, insolente… Dimostrare la colpa di Superman è l’unica missione della mia vita». «Ahia! Batman, il tuo lutto ti ha infettato con l’ossessione della vendetta. Ti prego… Rinuncia!» è la pronta risposta.

La storia, pensata come un’avventura fuori dal canone dei personaggi, fu poi collocata nella realtà di Terra-153 dal volume Crisis on Infinite Earths: The Compendium

Ivrea Capitale italiana del libro 2022

Ivrea, la città che Adriano Olivetti aveva eletto a laboratorio del futuro, è la Capitale Italiana del Libro 2022. La località piemontese è stata scelta dopo le precedenti Vibo Valentia nel 2021 e Chiari (BS) nel 2020.

Un’eredità di cultura e tecnologia e uno sguardo al futuro, con una serie di progetti che coinvolge tutte le anime del libro e della lettura, dai lettori ai distributori. Sono i caratteri della Capitale Italiana del Libro 2022, annunciata mercoledì 16 febbraio in diretta zoom dal ministro Dario Franceschini:

«È Ivrea la Capitale italiana del libro per il 2022: viva Ivrea, viva la Capitale del Libro»

«La Capitale del Libro – ha proseguito Franceschini – è un meccanismo virtuoso che crescerà anno per anno come la Capitale della cultura. Con il tempo si capirà che è un titolo anche essere stati finalisti».
Scelta dalla giuria presieduta da Marino Sinibaldi e composta da Gerardo Casale, Stefano Eco, Cristina Loglio, Valentina Sonzini, è risultata la migliore candidatura tra le sedici che sono state presentate, di cui otto giunte in finale. Un traguardo importante, che segna l’avvio di una nuova fase per lacittà che potrà aggiungere un significativo tassello alla sua storia millenaria: da prima capitale d’Italia con Re Arduino, fino a divenire capitale della tecnologia, dell’innovazione e laboratorio di futuro grazie alla straordinaria esperienza di Camillo e Adriano Olivetti.

La visione comunitaria che ha caratterizzato il periodo olivettiano è stato il tema scelto per il dossier di candidatura, che ha coinvolto nella sua elaborazione oltre 50 persone e 7 community del mondo del libro. Inevitabile il richiamo a un oggetto-simbolo: la Lettera 22, la mitica macchina da scrivere portatile ideata dalla Olivetti, divenuta un’icona mondiale.

Giornata Mondiale della Sindrome di Aspenger: 4 libri

Ogni anno, il 18 febbraio, l’intera comunità internazionale celebra la Giornata Mondiale della Sindrome di Asperger, che prende il suo nome dal pediatra austriaco – Hans Asperger – che agli inizi degli anni ‘40 diagnosticò questo modo di essere vicino all’autismo.
Una giornata di sensibilizzazione dedicata alla comprensione di bambini e adulti che convivono con una cecità emotivo-relazionale che non gli permette di dedurre la gamma completa degli stati mentali.

IL BAMBINO CHE PARLAVA CON LA LUCE – Maurizio Arduino

Maurizio Arduino restituisce le esistenze di quattro persone affette da disturbi dello spettro autistico, andando a indagare la loro vita a partire dall’infanzia sino al mondo adulto.
Ciò che emerge è la visione della realtà da un punto di vista inedito ed estremamente interessante, in cui le difficoltà di tutti i giorni possono essere insormontabili in un momento ed estremamente facili da risolvere in altri. Silvio, Cecilia, Matteo, Elia vedono il mondo dalla serratura di una porta che dà su un universo spesso fatto da incomprensioni.
Un libro autentico e imperdibile sul tema.

Clicca qui per acquistare il libro

LA VALIGIA ARAN – Andrea Antonello

Andrea Antonello è uno dei ragazzi autistici più conosciuti, poiché della sua diagnosi è riuscito a parlarne in televisione in più di un’occasione, grazie anche a un padre illuminato che ha creato campagne molto importanti di sensibilizzazione sul tema.

Andrea scopre la sua malattia all’età di tre anni e, da lì, inizia una vita fatta di sacrifici, a 19 anni una psicologa comprende che Andrea sa leggere e principia ad aiutarlo per arrivare a un risultato: la scrittura.
Andrea adesso scrive in completa autonomia sulla tastiera del suo computer e questo libro è il ritratto più vero di un ragazzo autistico.

Clicca qui per acquistare il libro

MIA SORELLA MI ROMPE LE BALLE – Damiano Tercon e Margherita Tercon

Damiano Tercon e Margherita Tercon, meglio conosciuti come Damiano e Margherita, i fratelli che hanno partecipato a Italia’s got Talent qualche anno fa, divenendo celebri in lungo e in largo per tutta la nostra penisola.

Damiano è autistico con una grande passione per la musica lirica, il suo più grande desiderio è diventate un cantante d’opera. Margherita, nonostante avesse passato l’intera vita lontano da casa, cercando di reinventare la propria esistenza, comprende che l’unico luogo dove davvero si necessita di lei è proprio casa.
È vicino a Damiano che Margherita deve e vuole stare per creare un futuro prospero per entrambi.

Questa è la loro storia, che racconta di malattia ma soprattutto di fratellanza.

Clicca qui per acquistare il libro

LA MORBIDEZZA DEGLI SPIGOLI – Keith Stuart  

Gli spigoli spesso vanno smussati e per farlo capita che si debba giungere a patti inaspettati e spesso complicati. È ciò che accade ad Alex, sposato da tempo e con un figlio autistico di otto anni.

Le difficoltà per poter dialogare con il figlio richiedono tempo ed energie da dedicare, che se vengono incanalate in un modo non riescono a fornire linfa vitale ad altro, causando così una momentanea separazione dalla moglie.
Alex, ospitato da un amico, cerca di ripercorrere le priorità della sua vita e comprende quanto sia importante riconquistare la moglie ed il figlio.
Nel frattempo, padre e figlio trovano un mondo in cui incontrarsi e vivere una vita diversa insieme: Minecraft.

Clicca qui per acquistare il libro

Nessun libro ti incuriosisce?
Trova quello che fa per te, clicca qui

Festa del Gatto: 5 libri suggeriti

Oggi doppia razione di croccantini. Già, perché il 17 febbraio è ufficialmente la Festa Nazionale del gatto. Una ricorrenza nata in Italia nel 1990, per celebrare a dovere il felino re della casa
L’idea di stabilire una data per questa festa è nata dalla giornalista gattofila Caludia Angeletti, quando propose un referendum tra i lettori della rivista “Tuttogatto” per stabilire il giorno: il 17 febbraio ha vinto sulle altre proposte per svariati motivi. Innanzitutto, nella cultura popolare il numero 17 è sempre stato legato al mistero e alla malasorte, come – purtroppo – è accaduto per molto tempo al micio, nero o di altri colori che fosse. C’è anche chi ha pensato di scomporre il numero in questione nelle due cifre: 1 e 7, una vita da vivere sette volte, riferendosi così alle famose sette vite del gatto.

PAUSA CAFFÈ CON GATTI – Charlie Jonas

Si aggirano furtivi tra i tavolini, dormono sugli scaffali, usurpano le sedie più comode. Sono loro i veri padroni della caffetteria più famosa della città: i gatti, come la dolce e bianca Mimi. Sarà forse per questo che lì succedono cose straordinarie.
Al suono delle fusa tutto sembra più semplice, ogni scelta meno ardua, ogni errore meno irrimediabile. Perché tutti hanno ostacoli da superare e scuse da fare, ma i gatti ci aiutano a trovare il coraggio di cambiare.

Basta poco perché tutto accada: si sceglie il tavolo preferito, si ordina un caffè e una fetta di dolce, si prende un libro dagli scaffali. Ma soprattutto si segue una regola: aspettare. Aspettare che gli strambi avventori dal passo felpato decidano di avvicinarsi. Perché, si sa, è inutile chiamare un gatto: verrà solo quando lui vorrà.

È così per Maxie che non è mai riuscita a capire quale sia il suo sogno nel cassetto, o Leonie che non dice la verità per non ferire una persona cara. Poi c’è Paul che vorrebbe tanto abbracciare sua figlia Emma, che si sente spesso sola. Per loro la caffetteria è l’unico posto in cui tutto sembra di nuovo possibile. In cui il passato può servire per cambiare il presente.
Se ne esce diversi, più forti, più ottimisti. In fondo, niente di quello che si è fatto o detto è imperdonabile. E dove c’è un rimorso c’è sempre una seconda occasione.
Mimi e i suoi amici sono lì per ricordarcelo: nulla è mai perduto per sempre.

Clicca qui per acquistare il libro

STORIA DI UNA GABBIANELLA E DEL GATTO CHE LE INSEGNÒ A VOLARE – Luis Sepúlveda 

Dopo essere capitata in una macchia di petrolio nelle acque del mare del Nord, la gabbiana Kengah atterra in fin di vita sul balcone del gatto Zorba, al quale strappa tre promesse solenni: di non mangiare l’uovo che lei sta per deporre, di averne cura e di insegnare a volare al piccolo che nascerà.

Così, alla morte di Kengah, Zorba cova l’uovo e, quando si schiude, accoglie la neonata gabbianella nella buffa e affiatata comunità felina del porto di Amburgo. Ma come può un gatto insegnare a volare? Per mantenere la terza promessa, Zorba dovrà ricorrere all’aiuto di tutti, anche a quello di un uomo.

In una storia che ha la grazia di una fiaba e la forza di una parabola, il grande scrittore cileno toccai temi a lui più cari: l’amore per la natura, la generosità disinteressata e la solidarietà, anche fra «diversi».

Clicca qui per acquistare il libro

DIZIONARIO BILINGUE ITALIANO-GATTO, GATTO-ITALIANO – Jean Cuvelier

Edizione aggiornata e ampliata su legislazione, spese veterinarie e vantaggi fiscali. Con una riflessione sulla possibilità di inserire i diritti animali nella Costituzione.

Il dizionario bilingue prende in rassegna e decodificati tutti i comportamenti e le situazioni della vita quotidiana «lato umano» e «lato gatto», attraverso oltre 180 parole-chiave classificate dalla A alla Z: appartamento, caduta, lettiera, miagolio, risveglio mattutino… ma anche albero, trasloco, termosifone, topo… Cosa ci vuole dire, come dobbiamo rivolgerci al nostro micio, come possiamo interpretare il comportamento tra loro. E tutte le regole che rendono serena la nostra convivenza.

Nella prima parte del dizionario Gatto-Italiano sono presentate situazioni in cui il gatto invia un messaggio al proprio umano, rivolgendosi a lui come se possedesse la parola. La seconda parte, Italiano-Gatto presenta situazioni in cui è l’umano a inviare un messaggio e spiega come esso viene decodificato dal gatto.
Infine, nella terza parte, Gatto-Gatto, si trovano situazioni di comunicazione tra gatti, come se si potesse tradurre nella lingua umana il messaggio del gatto rivolto ai suoi simili. E ancora, un approfondimento sulle norme nazionali, del Codice civile e penale.

Con la collaborazione di Ilaria Innocenti, responsabile nazionale Settore Cani e Gatti della LAV.

Clicca qui per acquistare il libro

A SPASSO CON BOB – James Bowen 

Una storia vera e straordinaria che parla di amicizia, felicità e amore: James, ventisette anni, non ha un lavoro né una famiglia. Vive alla giornata per le vie di Londra e raccoglie qualche spicciolo suonando la chitarra.
L’ultima cosa di cui ha bisogno è un gatto.

Eppure non resiste a quella palla di pelo, impaurita e malata, che trova davanti alla sua porta di casa e battezza subito Bob. Pian piano James riesce a farlo guarire, e a quel punto lo lascia libero. Ma Bob non intende separarsi dal suo nuovo amico e lo segue ovunque.

È l’inizio di una meravigliosa avventura che rimarginerà le ferite di entrambi…

Clicca qui per acquistare il libro

GATTI RIBELLI. STORIE VERE DI FELINI CORAGGIOSI – Kimberlie Hamilton 

Mettete le zampe sulle storie e sui segreti di alcuni tra i più affascinanti mici della storia!
Con tanti gattini realmente esistiti, tra cui grandi eroi, campioni di caccia al topo, star di Hollywood e persino un micio coraggioso che ingannò i tedeschi (e sopravvisse per raccontarlo), questi gatti ribelli sono i veri protagonisti delle loro storie.

Con incredibili avventure che vi faranno rizzare il pelo, sull’attivismo felino, sui gattini mistici, sui gatti di bordo e molto, molto altro, questo libro è pel-fetto per gli amanti dei gatti di ogni età.

Età di lettura: da 8 anni.

Clicca qui per acquistare il libro

Nessun libro ti incuriosisce?
Trova quello che fa per te, clicca qui

World Radio Day: 5 libri suggeriti

Il World Radio Day (Giornata mondiale della radio) dell’UNESCO è una celebrazione globale della radio e di come essa modella le nostre vite. La radio ci informa, ci trasforma e ci unisce. Riunisce persone e comunità di tutte le provenienze per favorire un dialogo positivo per il cambiamento.

SUONI NELL’ETERE. 100 ANNI DI MUSICA E RADIO –  Simone Fattori 

Cos’hanno in comune What’s Going On di Marvin Gaye, Bohemian Rhapsody dei Queen e Creep dei Radiohead? Oltre a essere dei brani fondamentali nella storia della musica, tutti e tre probabilmente non sarebbero mai stati neppure pubblicati se non fosse esistita la radio.

Radio e musica leggera: un’avventura che dura da cento anni e non accenna a terminare.

Interviste esclusive a Renzo Arbore, Claudio Cecchetto e Linus completano il racconto. Prefazione di Enrico Menduni e Postfazione di Massimo Cotto.

Clicca per acquistare il libro

QUI RADIO LIBERA – Enzo Mauri 

Qui Radio Libera racconta la storia della radiofonia libera italiana dal 1975 fino agli anni ’90 attraverso le testimonianze dei diretti interessati.

Il primo capitolo è autobiografico, i successivi analizzano gli elementi che influenzarono il fenomeno delle radio libere, dalla Rai a Radio Monte Carlo, per poi dare voce ai principali protagonisti.

Clicca per acquistare il libro

RADIO ON – Daniele Biacchessi 

“Radio On” è la storia straordinaria e inedita dei ragazzi che fecero la grande impresa: trasformare le prime radio libere in aziende vere e proprie.
Dalle prime sperimentazioni piratesche della prima metà degli anni Settanta alla riforma RAI (la prima legge n.103 del 14 aprile 1975 che introduce nuove norme in materia di diffusione radiotelevisiva in Italia), fino alla sentenza della Corte costituzionale del 1976 che dichiara il monopolio RAI ancora legittimo per quanto riguarda le trasmissioni nazionali, ma afferma il principio della libertà d’impresa radiotelevisiva a livello locale.

Si tratta di una storia che attraversa la grande Storia italiana, narrata dall’interno delle radio private. L’autore è stato infatti uno di quei ragazzi che alla metà dei Settanta ruppero il monopolio e costruirono negli anni ciò che ascoltiamo oggi: dalle prime cassette ai registratori a bobina, dai primi computer arcaici fino ai gioielli delle nuove tecnologie di oggi.

Clicca per acquistare il libro

DA RADIO AUT A RADIO 100 PASSI – Danilo Sulis 

Danilo Sulis, pioniere delle radio libere degli anni ’70 e storico compagno di Peppino Impastato, nel 2007 fonda Radio 100 passi, mosso dalla volontà di far rinascere Radio Aut.
Della radio fondata a Cinisi e del circolo “Musica e cultura” troviamo tracce vivide nelle pagine di questo volume: i testi del programma “Onda pazza”; le locandine originali degli eventi musicali e teatrali; le immagini degli ambienti che li vedevano riuniti.

Ispirandosi alla tradizione del cunto e immaginando di trovarsi in uno dei tanti incontri che svolge abitualmente con centinaia di ragazzi presso la radio, nelle scuole, a Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato, l’Autore ricostruisce oltre quarant’anni di impegno civile, anche grazie a una galleria fotografica che copre l’intero periodo.
Un libro prezioso e adatto a tutti.

Con la prefazione di Gian Carlo Caselli, ex Procuratore della Repubblica a Palermo, e la postfazione del pioniere delle radio Red Ronnie.

Clicca per acquistare il libro

TUTTO IL MIO CALCIO MINUTO PER MINUTO – Ezio Luzzi

Era un semplice esperimento, una prova in vista delle Olimpiadi di Roma del 1960, eppure il programma radiofonico “Tutto il calcio, minuto per minuto” ha rivoluzionato il modo di vivere le partite.
Ezio Luzzi, una delle voci storiche di quella trasmissione, ha raccontato praticamente tutto il calcio italiano: dalle serie minori alla Nazionale. È stato il primo a regalare scoop come l’arrivo di Maradona al Napoli e il primo a informare il mondo sull’attentato alle Olimpiadi di Atlanta nel 1996.

Attraverso il suo microfono sono passate le voci di calciatori, allenatori e dirigenti, famosi protagonisti della storia del calcio a ogni livello e sotto ogni latitudine. Ogni domenica, ha fatto compagnia a milioni di italiani intenti ad ascoltare alla radio gli aggiornamenti sulla propria squadra del cuore.

Con la stessa passione con cui riusciva a trasportare chiunque dentro lo stadio, per novanta minuti più recupero, oggi Ezio Luzzi, detto anche “il disturbatore” o più semplicemente “Lux”, per la prima volta prende il lettore per mano e lo conduce attraverso oltre mezzo secolo di avventure sportive, interviste, indiscrezioni, aneddoti e piccole e grandi notizie sulla storia dello sport mondiale, facendo sfilare davanti ai suoi occhi le icone del calcio di tutti i tempi.
Prefazione di Arrigo Sacchi. Postfazione di Emanuele Dotto.

Clicca per acquistare il libro

Nessun libro ti incuriosisce?
Trova quello che fa per te, clicca qui

Nessun elemento, il feed é vuoto.

Please follow & like us :)
  • Le sorelle Lacroix
    «Ogni famiglia ha uno scheletro nell'armadio» scrive Simenon in epigrafe a questo romanzo. Nel caso della famiglia in questione lo scheletro è un segreto che lega da anni due sorelle. Un segreto che, rimosso e purulento, non può che trasudare odio. Tant'è: il collante che tiene uniti, nella solida dimora borghese di Bayeux, le figlie […]
  • La foresta brucia sotto i nostri passi
    È l'estate in cui la crisi climatica si aggrava al di là dei nostri peggiori incubi e gli incendi devastanti nella campagna svedese trasformano improvvisamente gli inconsapevoli vacanzieri in rifugiati climatici. Eppure, in questo scenario infernale, la vita deve andare avanti, e anche quando la realtà intorno sta crollando le storie d'amore adolescenziali, le crisi […]
  • Meglio morto
    Mi guardo intorno e vedo il nulla. Proprio ciò che cercavo. Questa cittadina di confine non ha niente da offrire: nessun negozio decente, nemmeno un posto dove bere un buon caffè. Qui non ci viene nessuno in vacanza: qui ci si arriva solo se si ha un motivo. Io un motivo ce l'ho. E se […]
  • In una notte buia uscii dalla mia casa silenziosa
    C'è un viaggio al centro di questo romanzo di Peter Handke. Un viaggio messo in moto da un'esperienza misteriosa - forse reale, forse immaginata: un «colpo» non ben definito ricevuto in un bosco dal «farmacista di Taxham», un uomo d'altri tempi, ancora legato alla preparazione di medicamenti artigianali e profondo conoscitore dei funghi. Questo singolare […]
  • Ricordi del paradiso
    «La nostra vita va ben oltre la breve parentesi di tempo che trascorriamo sulla Terra». Sono i bambini le creature più vicine a Dio. Certo di questa verità, Wayne Dyer ha invitato i genitori di tutto il mondo a chiedere ai propri figli che cosa si «ricordassero» del tempo in cui non erano ancora nati. […]
Archivi
Paper blog

 

 

 

 

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi