Un fatto umano: illustrazione speciale per i vent’anni dalla strage di capaci

“Li avete uccisi ma le loro idee camminano sulle nostre gambe”. In occasione del ventennale della morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, gli autori del romanzo a fumetti “Un fatto umano” dedicano un’illustrazione speciale alla memoria dei due magistrati uccisi dalla mafia.
“Sono passati vent’anni dalla morte di Giovanni Falcone, una tragedia che ha segnato non solo la nostra coscienza collettiva, ma anche la storia – quella peggiore – del nostro Paese” racconta Manfredi Giffone, autore e sceneggiatore del fumetto.
“L’esercizio alla memoria diventa utile solo se ci lasciamo contagiare dal coraggio e dalla fiducia nella giustizia che sono stati l’anima del pool antimafia di Palermo. Per questo è importante non dimenticare”.

La graphic novel “Un Fatto Umano – Storia del pool Antimafia”, Manfredi Giffone, Fabrizio Longo e Alessandro Parodi, è un fumetto, un omaggio poetico di grande bellezza, ma anche un racconto politico e profondamente «morale», un vero e proprio viaggio nella memoria e nella Storia, per ricordare e imparare.
In Italia è già alla seconda edizione e quest’anno è stato pubblicato in Francia.

Festa del libro: ma chi legge in Italia?

Le donne in Italia leggono più degli uomini. I ragazzi sono ferventi lettori dagli 11 ai 17 anni e poi qualcosa si inceppa.
Secondo gli ultimi dati presentati dall’ISTAT, istituto nazionale di statistica, in Italia, anche chi legge, legge molto poco:
il 45,6% dei lettori non ha letto più di 3 libri in 12 mesi, mentre soltanto i “lettori forti”, cioè chi ha letto 12 o più libri nello stesso lasso di tempo, è il 13,8% del totale.

Gli acquisti online di libri, giornali, riviste ed e – book, crescono in modo esponenziale. Sono oltre un milione e 900 mila persone con età compresa tra 16 e 74 anni ha comprato libri, giornali, riviste o ebook, su Internet: sono oltre un quarto (27,8%) di coloro che effettuano acquisti online.

La parte dei leoni la fanno sicuramente i cosiddetti nativi digitali. La quota di giovani lettori che scaricano giornali, news, riviste da Internet è pari al 53,9% e quella di coloro che consultano un Wiki online è del 69%.Watch Full Movie Online Streaming Online and Download

Nel 2011 poco meno di 26 milioni di Italiani di 6 anni e più dichiarano di aver letto almeno un libro nei 12 mesi precedenti l’intervista, per motivi non strettamente scolastici e/o professionali. Rispetto al 2010 i lettori di libri diminuiscono, passando dal 46,8% al 45,3% della popolazione.

Le donne confermano di essere lettrici più assidue degli uomini: leggono almeno un libro il 51,6% delle femmine rispetto al 38,5% dei maschi. Le differenze di genere sono massime tra i 15 ed i 44 anni e tendono a ridursi significativamente con l’avanzare dell’età, dopo i 60 anni.

La quota più alta di lettori si riscontra tra i ragazzi e le ragazze con età compresa tra 11 e 17 anni (60,5%). Avere genitori che leggono rappresenta un fattore che influenza i comportamenti di lettura dei figli. Leggono libri il 72% dei ragazzi tra 6 e 14 anni con entrambi i genitori lettori, contro il 39% di quelli i cui genitori non leggono.

Si legge di più al Nord e nel Centro del Paese, dove la percentuale di lettori è superiore al 48% della popolazione di 6 anni e più. La propensione alla lettura è minore nel Sud e nelle Isole, dove la quota di lettori scende sotto il 35%.

E per quanto riguarda la produzione libraia la categoria più proficua rimane quella della letteratura moderna con in testa romanzi e racconti.
Cresce, in modo significativo, la produzione delle opere per ragazzi, che rispetto al 2009 aumentano del 13,7% per numero di titoli e del 12,6% per tiratura.

Per quanto riguara il prezzo è molto cresciuta la produzione nella categoria prezzo fino a 10 euro.

A vent’anni dalla strage di capaci: le ultime parole di Falcone e Borsellino

Sono passati vent’anni. E da allora la parola MAFIA in Italia ha assunto tutt’altro significato. La morte dei due magistrati, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, è stata una delle stragi più cruenti a cui abbia assistito il nostro paese. Un attentato frontale che ha colpito al cuore della lotta contro la malavita organizzata.

Il 23 maggio 1992 il giudice Falcone muore nella strage di Capaci. Nell’attacco persero la vita la moglie Francesca e tre uomini della scorta.
Il 12 luglio, esattamente 57 giorni dopo, viene ucciso Paolo Borsellino in via d’Amelio a Palermo. Un’altro attacco dinamitardo in cui muoiono 5 uomini della scorta.

Nel libro I 57 giorni che hanno sconvolto l’Italia. Perché Falcone e Borsellino dovevano morire
il giornalista inglese John Follain, che in quegli anni seguiva la vicenda come corrispondente per il suo paese, ricostruisce la dinamica degli attentati e descrive nel dettaglio la progettazione e la realizzazione dei due omicidi.
Follain ha raccolto interviste, dichiarazioni e testimonianze per ricostruire gli eventi che hanno portato alla condanna a morte di due uomini impegnati in prima linea contro la mafia e delinea il quadro d’azione tipico del “modus operandi” della mafia siciliana.

Altro interessante titolo è questo:”Le ultime parole di Falcone e Borsellino” in cui vengono raccolti interventi, interviste e pensieri dei due eroici magistrati.
Il saggio contiene: “La mafia non è invincibile” (1990) e “La mafia come Antistato” (1989 interventi di Giovanni Falcone.
E di Paolo Borsellino “Il mio ricordo di Giovanni Falcone”, intervento del 23 giugno 1992, a un mese dalla strage di Capaci;
“L’ultima lezione”, cioè il discorso agli studenti di Bassano del Grappa (1989);
“L’ultimo discorso” (Marsala, 4 luglio 1992);
“L’ultima intervista” ai giornalisti francesi Fabrizio Calvi e Pierre Moscardo e l’intervento alla Biblioteca comunale di Palermo del 25 giugno 1992, un atto d’accusa sofferto e violento contro alcuni magistrati, definiti Giuda in una sala piena e pietrificata.

BOOKTRAILER del libro: “Le ultime parole di Falcone e Borsellino”

Festa del libro 23 maggio 2012: leggere fa crescere

promozione libri scontati festa del libro 2012

Anche quest’anno l’edizione del Maggio dei libri culmina con la “Festa del libro” mercoledì 23 maggio.
In realtà la festa dura da un mese!
Il “Maggio dei libri” ha coinvolto librerie fisiche, che da oltre un mese organizzano incontri con gli autori, le scuole che hanno colto l’occasione per avvicinare gli studenti alla lettura attraverso laboratori, e altre formule innovative, le biblioteche che hanno avuto modo di “vivacizzare” l’offerta organizzando eventi speciali.

UNILIBRO, come libreria online, con l’iniziativa “Regalami un verso” ha raccolto decine di citazioni d’autori, frasi e versi tratte dai libri che gli utenti stessi hanno pubblicato sulla fan page ufficiale per dare un contributo alla promozione della lettura.
Il senso profondo del pensiero di un autore può essere concentrato in una citazione. Così come quello della storia raccontata in un romanzo, basta una frase per condensare l’emozione della lettura.
Fino al 23 maggio sarà possibile ancora pubblicare citazioni, frasi e versi sulla fan page di UNILIBRO.
Le citazioni più condivise, secondo i meccanismi del social network facebook, verranno premiate con due buoni libro da spendere su unilibro.

Ma non è finita qui.
In occasione della FESTA DEL LIBRO sono stati selezionati centinaia di titoli da offrire al pubblico con il – 20% di sconto.
Si tratta di libri novità, romanzi e grandi classici che avranno un prezzo speciale e scontato solo fino a mercoledì 23 maggio.

Un sogno senza parole: il film The artist finalmente in DVD

Un omaggio al cinema muto e in bianco e nero. Un capolavoro premiato con 5 Premi Oscar e applaudito nei cinema di tutto il mondo. “The Artist” il film scritto e diretto da Michel Hazanavicius è finalmente disponibile in DVD e Blu Ray.

La storia, ambientata in America negli anni venti, racconta, attraverso le vicissitudine di un attore cinematografico, George Valentin, la storia del cinema e l’avvento del sonoro.
Un’autentica rivoluzione che sconvolse per sempre i tempi di produzione e il modo di concepire il cinema.
George decide di non lavorare in pellicole “parlanti”. Abbandona il suo produttore e decide di autoprodurre un film secondo le regole del cinema muto. Ma, intanto sono cambiate anche le regole del mercato e George pagherà amaramente il suo errore di valutazione.

Dopo poco tempo Valentin è un attore dimenticato e tra l’altro costretto dalla “grande depressione economica” a mettere tutti i suoi beni all’asta per poter sopravvivere.
Sarà l’amore incondizionato di un’attrice conosciuta molto tempo prima a infondergli di nuovo coraggio per ritornare a credere nella sua arte.

Una storia intensa e realizzata in modo da riprodurre autenticamente le emozioni e la magia del cinema muto.
Definito – e concordiamo in pieno – “Un sogno senza parole” e “Un atto d’amore verso il cinema“.

 

 

 

 

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi