Marco Simoncelli: Diobò che bello

libro marco simoncelli Ci ha lasciati un’altro grande campione del MOTO GP.
Marco Simoncelli è morto in uno scontro fatale durante il II giro del GP in Malesia. Aveva solo ventiquattro anni e alle spalle una carriera sportiva spesso dura, ma costellata di successi importanti e alimentata da una fortissima passione.

Una passione per i motori che il campione aveva raccontato e pubblicato in un libro con Paolo Beltramo: “Diobò che bello!”.
Una sorta di biografia in cui Simoncelli si lascia andare ai ricordi d’infanzia e ai sogni di un bambino che appena ragazzo apre la porta della Cava, luogo mitico per i motosuonati, dove i piloti professionisti – fra cui anche Valentino Rossi – e semplici appassionati si sfidano tutto l’anno per allenarsi a guidare in condizioni estreme, per poi finire a cena tutti insieme, con pane, salame e vino generoso.

Campione europeo della 125 nel 2002 e nello stesso anno debutta nel mondiale 125 nella gara di Brno in Repubblica Ceca. Il primo campionato completo per Simoncelli è nel 2003.  Alla fine del campionato 2004 sarà quinto e passa in 250 con la Gilera.
Le prime soddisfazioni arrivano nel 2007 e nel 2008 conquista il titolo  sulla pista di Sepang, la stessa in cui ha perso tragicamente la vita.

Il libro “Diobò che bello!” firmato dallo stesso Marco Simoncelli è in promozione al 15% di sconto.

Un Commento a “Marco Simoncelli: Diobò che bello”

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

  • Vangeli letti dal Papa
    "Ascoltare la Parola di Dio è leggere e dire: Ma a me questo che dice, al mio cuore? Dio cosa sta dicendo a me, con questa parola? E la nostra vita cambia". Papa Francesco ha ripetuto spesso questa esortazione nel corso della sua predicazione, fino a farne uno degli assi portanti della sua azione pastorale: […]
  • Gli aspetti irrilevanti
    Un grande meraviglioso romanzo corale sull'esistenza umana. Partendo dai ritratti del fotografo Jacopo Benassi, Paolo Sorrentino immagina l'esistenza delle persone immortalate, senza conoscere i loro nomi, le loro generalità, che cosa facciano o abbiano fatto. E il risultato è un libro eccezionale, in cui Sorrentino è straordinario nella capacità di alternare i registri e i […]
  • Mio nipote nella giungla
    “Non capisco come Beha possa pensare di lavorare ancora in tv, o alla radio, o in un giornale medio-grande se continua a scrivere libri come questo” (Marco Travaglio, prefazione a "Diario di uno spaventapasseri"); “Tu, Oliviero, possiedi doti straordinarie di autentico cantore” (Dario Fo, prefazione alle poesie di Meteko). Tra racconto, confessione e pamphlet, in […]
  • Una cosa che volevo dirti da un po'
    Premio Nobel per la Letteratura nel 2013. «Alice Munro mette nero su bianco il dolore e il piacere della vita nel canto di una prosa asciutta, senza mai sperperare una parola» - Queste storie sono accomunate da riflessioni postume su un passato che tramanda i suoi misteri senza risolvere rancori, invidie e amori complicati e […]
  • Cazzi miei
    "Ci ho lavorato ma è dura in tour, come sai, due ore e mezzo di concerto e nei giorni off poi sono senza forze. Ma è bellissimo, mai stata così!... Mentre sto scrivendo, sento i polpastrelli sbriciolarsi dalla voglia che ho di raccontare." Così scriveva l'autrice di questo libro al suo editor che le chiedeva […]
Archivi
Paper blog