Think Different: il pensiero creativo di Steve Jobs

libro pensare come steve jobssette principi guida del pensiero di Steve Jobs, la mappa del percorso che porta ad un livello superiore di consapevolezza e creatività:

1. Fa’ ciò che ami
2. Lascia un segno nell’universo
3. Metti in moto il cervello
4. Vendi sogni, non prodotti
5. Di’ mille “no”
6. Crea esperienze follemente eccezionali
7. Padroneggia il messaggio.


Carmine Gallo nel libro:”Pensare come Steve Jobs”
ha analizzato i discorsi, il modus operandi, le strategie di Jobs e ha collezionato interviste con i suoi più stretti collaboratori per andare al cuore della filosofia dell’innovazione.

Un animo visionario è tenace e non molla certo la presa. Accetta, anzi è sempre alla ricerca, di nuove sfide. E per spostare i confini del proprio pensiero bisogna “pensare differente”.
Think Different” è sempre stato il motto del geniale Steve Jobs.
Ci ha lasciato ieri, 5 ottobre, all’età di 56 anni il “ragazzo prodigio” consacrato alla storia dell’era digitale come “l’uomo che ha inventato il futuro”.

Think Different” è diventato lo slogan di Apple, la nota azienda fondata dallo stesso Jobs che lanciato sul mercato mondiale il primo personal computer, ma ha contraddistinto la filosofia e le scelte di vita di Steve.

Dopo qualche grave successo e l’uscita da APPLE, Jobs non si perde certo d’animo e decide di fondare altre due nuove società.

PIXAR, ad oggi una degli studi di animazione più importanti al mondo e NeXT Computer  con la quale sviluppaiPod e Itunes ,  l’iBook, il MacBook, iPhone e iPad.

“Think Different”  è, infatti, molto più di una brillante intuizione di marketing.
È la chiave di volta su cui il genio di Cupertino ha costruito non solo l’intera azienda, ma una vera e propria filosofia di vita.
È uno strumento potente, positivo, rivoluzionario che ognuno di noi può applicare in molti campi, puntando allo stesso obiettivo di Apple: essere un passo avanti a tutti per arrivare primi, sempre.

Un Commento a “Think Different: il pensiero creativo di Steve Jobs”

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Nessun elemento, il feed é vuoto.

Please follow & like us :)
  • Non è un paese per single
    Belvedere in Chianti, piccolo borgo sulle colline toscane, dove abbondano ulivi e vigne ma di scapoli nemmeno l'ombra, è in fermento: Charles Bingley, nipote del defunto conte Ricasoli, sta arrivando dall'Inghilterra per prendere possesso dell'eredità, la tenuta Le Giuggiole. La notizia ha scatenato le potenziali suocere, disposte a tutto pur di sistemare le figlie con […]
  • L'ora senz'ombra
    Uno scrittore si mette al volante della sua sgangherata Ford Torino e se ne va in giro a raccogliere materiale per la Guida alle passioni argentine che gli è stata commissionata. Ma nella testa insegue il ricordo della madre Laura, che negli anni Cinquanta faceva la modella per la Palmolive e finì per scappare con […]
  • Il libro di ricette di Alice. Storia di un crimine nazista
    Vienna, anni Venti: Alice Urbach è la figlia di una facoltosa famiglia ebraica, con una irrefrenabile passione per la cucina che né suo padre né un matrimonio imposto riescono ad arginare. Gli anni tra il primo e il secondo conflitto mondiale sono un momento di risveglio e liberazione per le donne austriache, che iniziano a […]
  • Le sarte di Auschwitz
    Irene, Renée, Bracha, Katka, Hunya, Mimi, Manci, Marta, Olga, Alida, Marilou, Lulu, Baba, Boriska... Durante la fase culminante dello sterminio degli ebrei d'Europa, venticinque giovani internate nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau furono selezionate per disegnare, tagliare e cucire capi d'alta moda destinati alle mogli delle SS del lager e alle dame dell'élite nazista berlinese. […]
  • Apnea. Costa Concordia: 8 vigili del fuoco e l'impresa mai raccontata
    "Siamo finalmente saliti in cima alla nave, ma non è facile starci. La nave dà grossi scossoni e restare in piedi sulla murata liscia come una lastra di ghiaccio è complicato. Il rumore del ferro che striscia contro la roccia è un gemito che dice tutto. La nave sta andando a fondo. Non so che […]
Archivi
Paper blog

 

 

 

 

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi