L’invenzione del balcone: la satira letteraria di Gene Gnocchi

l'invensione del balcone romanzo di gene gnocchiTanta buona e sana “satira letteraria” nel nuovo romanzo di Gene Gnocchi.
“L’invenzione del balcone” edito da Bompiani, è un libro surreale in cui Gene Gnocchi trasporta tutta la sua verve da comico per scomporre e ricomporre tante storie quotidiane e rintracciarne il lato più assurdo.

Il protagonista, Camillo Valbusa, cinquantunenne, ambulante è convinto che il mondo è finito e che ciò che resta è solo una parodia, un concentrato di amenità, situazioni tragiche che sconfinano spesso in tragiche risate.

Nel racconto vengono descritte storie di “quotidiana follia” di povera gente: pensionati disperati, amori finiti e quelli mai trovati, disoccupati o cassintegrati ormai da tempo immemore.
Sullo sfondo,però, si stagliano anche le vicende di industriali impegnati a girare film porno, il mondo dell’editoria e tutti i suoi cliché.

Via via si delinea sempre più forte il tono graffiante dei personaggi che animano il racconto per assolvere al volere dell’autore: dissacrare tutti i luoghi comuni e renderci una visione della reatà sicuramente più divertente di quella reale.

2 Commenti a “L’invenzione del balcone: la satira letteraria di Gene Gnocchi”

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

 

 

 

 

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi