Impegno civile e graffiante ironia nel Diario di un mafioso emigrante

libro di un mafioso emigrante di Nicolia Dino

Ironico, pungente, divertente, al limite tra realtà e fantasia, a tratti assurdo e quasi grottesco.

Il protagonista di questa vicenda sembra uscito direttamente da un quadro di Dalì, un film di Fellini o semplicemente da un sogno materializzatosi sulla carta dal nulla.

Nicola Pepe, un giovane lucano, laureato in economia e commercio, sogna di diventare capitano d’industria e di aprire un’azienda nella sua terra. Il sogno della sua vita è, tuttavia, alquanto particolare, diventare mafioso e dare vita alla sua personale cosca. Dopo l’apprendistato in Sicilia, presso una delle più prestigiose famiglie di cosa nostra, ritorna in Lucania. Purtroppo, il contesto economico e sociale non lo aiuta e, nonostante gli sforzi, deve ammettere il suo fallimento. Emigra in Germania e lavora come mafioso dipendente, in un’azienda che ricicla denaro sporco. Si tratta di un lavoro ordinario, da impiegato, molto lontano dal fascino esercitato su di lui dalle attività mafiose celebrate dai film di Coppola e Scorsese.

Se questa è la mafia, allora tanto vale fare il commercialista”, dichiara alla fine del suo tentativo.

Si tratta di una storia sorprendente e improbabile, leggera e divertente, politicamente scorretta, che se letta tra le riga, rivela una realtà amara e triste, che mette a nudo il fallimento di un’intera generazione.

L’autore si permette di giocare con le metafore e l’ironia, di usare l’immaginazione, e di sperimentare l’inventiva. Tutti questi elementi vengono riversati sui personaggi che animano la storia, dal protagonista Nicola Pepe al prestigioso capo mafia don Tanino Scimbeni.

Il ritmo di questo romanzo breve è molto sostenuto. Il tono, per larghi tratti leggero e ironico, si modifica completamente nel finale, quando diventa riflessivo e introspettivo. Il linguaggio asseconda l’esigenza di rendere il racconto immediato e agile.

Dino Nicolia dimostra intelligenza e sensibilità, ironia e impegno, nel dare vita ad un lavoro che noi non possiamo fare altro che consigliare sia ai lettori attenti ai contenuti che a quelli desiderosi di trascorrere un momento di svago in compagnia di un buon libro.

Il libro Diario di un mafioso emigrante di Nicolia Dino è disponibile su unilibro.it

Un Commento a “Impegno civile e graffiante ironia nel Diario di un mafioso emigrante”

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Nessun elemento, il feed é vuoto.

Please follow & like us :)
  • Meglio morto
    Mi guardo intorno e vedo il nulla. Proprio ciò che cercavo. Questa cittadina di confine non ha niente da offrire: nessun negozio decente, nemmeno un posto dove bere un buon caffè. Qui non ci viene nessuno in vacanza: qui ci si arriva solo se si ha un motivo. Io un motivo ce l'ho. E se […]
  • La regola del bonsai
    A sette anni, mentre assiste con il padre Rudolf allo sbarco del primo uomo sulla luna, Werner Wolf viene a sapere qualcosa che gli cambierà la vita per sempre: sua madre Klara è il frutto segreto della relazione tra Eva Braun e Adolf Hitler. L'inevitabile conseguenza è che Werner ha avuto in sorte come nonno, […]
  • Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
    È un mercoledì pomeriggio quando Anna entra nel parcheggio di Argyle Street, di fronte al Royal Hobart Hospital, e si accorge che le manca un dito. È sparito, il suo anulare sinistro è sparito come il sole nascosto dal fumo degli incendi, come intere specie animali condannate dal riscaldamento globale, come arbusti, eucalipti e piccole […]
  • Amore matrimonio
    Studentessa di medicina a Londra, Yasmin Ghorami ha diversi motivi per non lamentarsi: una famiglia che la ama, una promettente carriera come medico e soprattutto un bel fidanzato, Joe Sangster, compagno di università e futuro sposo. Eppure, quando le nozze ormai si avvicinano, l'incontro tra la sua famiglia e quella di Joe si rivela per […]
  • La coscienza di Montalbano
    Sono sei i racconti qui chiamati a raccolta, con un evidente cambio di scala rispetto ai romanzi. Storie riunite per la prima volta in volume, scritte in tempi diversi e non incluse nelle antologie che Camilleri ha pubblicato in vita. Le inquadrature brevi, la rapinosità del ritmo, la giustapposizione scorciata delle trame, la scrittura sghemba […]
Archivi
Paper blog

 

 

 

 

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi